domenica 18 febbraio 2018

♚ NOBLE MANSIONS AND CROWNS ♚ Countess Wilhelmina von Hallwyl and Hallwyl House, the house that time forgot.




With what I am about to tell you, I'm bring you today in Sweden, the Sweden of the XIXth century and exactly in Stockholm, where in 1859, or at the height of the Victorian age, at the age of 20, Anna Fridrica Wilhelmina Kempe, only daughter and heir of a wealthy merchant of timber, married Count Walther von Hallwyl (1839-1921), captain of the Swiss General Staff who later became a citizen of the nation in which he settled and, as such, a member of the Swedish parliament and heir of his father-in-law's activity and thuss of the entire complex of Ljusne-Woxna AB, a sort of small village given by the buildings in which the timber was stored and the factories where it was worked according to the destination that it should have taken.


Ljusne-Woxna AB in an advertising sign dated 1900




Wilhelmina was born in Stockholm in 1839 and his father, who had decided to devote himself to the trade of the main wealth that the nature of his country offered, became a wealthy merchant of what was much sought after in the XIXth century, since, even though Sweden was almost totally dominated by forests, wood was needed both as fuel and for the construction industry, for paper mills, to produce cellulose and for steel industries, in short, it could even be said that wood promoted the transition from a Sweden characterized by an agricultural economy to an industrial Sweden.

And it was precisely the wealth already accumulated by her family of origin that allowed the young Wilhelmina to cultivate her strong passion for collecting, since she began by collecting antiques and art in general that she found almost everywhere while traveling with her parents as a girl and, since this passion remained the main interest of her entire life, she ended up making her an impeccable collector - they belonged to her collection ancient books and manuscripts, weapons and armor, contemporary paintings and of previous eras, silverware, ceramics and decorative works of art in general of both European and Eastern origin.

The great amount of the objects that she came to accumulate allowed her to furnish a whole house, what will be called Hallwyl House, built between 1893 and 1898 by Isak Gustaf Clason in the center of Stockholm, near the Berzelii Park:



behind the façade of noticeable Venetian influence the rooms were decorated in various historical styles and both the paintings and the tapestries were initially hung on the walls of the apartments, but in the end it was the attic to welcome them when it was converted into an art gallery dedicated to the growing collection of paintings.


The entire house and the art objects which it contained were finally donated to the Swedish state: the donation was announced in 1920, but came into force only with the death of the countess, which occurred in 1930, and Hallwyl House was opened to the public as a museum only in 1938, when the catalog of all the precious exhibit was completed, but not only precious were included, the intention was to document and preserve the entire house exactly as it had been left, both the collections of art and antiques and the contemporary furniture, both the jewels that belonged to her and the fabrics and everyday objects of the family and the servants, such as clothes, kitchen utensils and office equipment.





(think that next to objects of art find their places even personal peculiarities such as a piece of the beard of the count and a slice of their wedding cake.)

Finally, I would like to point out that the catalog had already been started by the countess while the collection was still growing: since 1909 she hired a number of renowned experts in subjects such as Chinese bronzes, European painting, European and Asian porcelain for assist her in this work; think that in its final version, the detailed catalog contains about 50,000 objects and was eventually printed in 79 volumes between 1926 and 1957.

But let's enter the world of Wilhelmina now ... as it was in 1865 ...



The Countess is awaiting us!



She shows us the most famous portrait of hers depicting herself in an earlier age ...


An oval portrait showing us Wilhelmina at the age of 21




and the gorgeous dress she wore on that occasion;

  
This is the dress she wore on the occasion of the portrait, today on display along with many others that belonged to her



then she shows us some of the rooms of her sumptuous mansion:


 The Porcelain Room




The Billiard Room




 The Chinese Porcelain Room




A Dining Room




Another Dining Room




The Smoking Room




A corner where to enjoy a tea




A Series of Guest-Bedrooms







A corner where to read or to write a letter ...




The Kitchen



Let's eventually thank our delighhful hostess and thank to you all 
for having accompanied me on this other journey back in time within what is today 
one of the few museums preserving intact aspects of the life belonging to past times 
and allows us to identify ourselves with what we see.





See you soon, dear friends and readers ... faithful and occasional ones!











SOURCES:

Eva Bergman, "von Hallwyl, Wilhelmina"

Hallwylska museet

Wikipedia











- immagine 1 - La Contessa Wilhelmina Kempe ed uno dei suoi salotti



Con ciò che sto per narrarvi vi porto oggi nella Svezia del XIX° secolo ed esattamente a Stoccolma, dove nel 1859, ovvero in piena età Vittoriana, all'età di 20 anni, Anna Fridrica Wilhelmina Kempe, unica figlia ed erede di un facoltoso mercante di legname, sposò il Conte Walther von Hallwyl (1839-1921), capitano dello stato maggiore svizzero che in seguito divenne cittadino della nazione in cui si stabilì e, come tale, membro del parlamento svedese ed erede dell'attività del suocero, ovvero dell'intero complesso di Ljusne-Woxna AB, una sorta di piccolo villaggio dato dai fabbricati in cui veniva immagazzinato il legname e dagli opifici in cui veniva lavorato in base alla destinazione che avrebbe dovuto prendere.



- immagine 2 - Ljusne-Woxna AB in un'insegna pubblicitaria datata 1900



Wilhelmina era nata a Stoccolma nel 1839 ed il padre, che aveva deciso di dedicarsi al commercio della principale ricchezza che la natura del suo paese offriva, divenne un facoltoso commerciante di ciò che nel XIX° secolo era un bene molto ricercato, poiché anche se allora la Svezia era quasi totalmente dominata dalle foreste, il legname era necessario sia come combustibile che per l'industria edile, per le cartiere, per produrre cellulosa e per le industrie siderurgiche, insomma, si potrebbe persino giungere a dire che fu proprio il legno a favorire il passaggio in Svezia da un'economia agricola ad un'economia industriale.

E fu appunto la ricchezza accumulata già dalla sua famiglia di origine che permise alla giovane Wilhelmina di coltivare la propria spiccata passione per il collezionismo, poiché cominciò con il collezionare oggetti d'antiquariato e d'arte in generale che trovava un po' ovunque mentre viaggiava con i suoi genitori già da fanciulla e, dato che tale passione rimase il principale interesse di tutta la sua vita, essa finì con il fare di lei un'impeccabile collezionista - alla sua collezione appartenevano libri e manoscritti antichi, armi ed armature, dipinti contemporanei e di epoche precedenti, argenteria, ceramiche ed opere d'arte decorativa in genere di origine sia europea che orientale. 

La mole degli oggetti che ella giunse ad accumulare fu tale da consentirle di arredare prestigiosamente un'intera dimora, quella che verrà chiamata Hallwyl House, edificata tra il 1893 ed il 1898 da Isak Gustaf Clason nel centro di Stoccolma, vicino al Berzelii Park: 



- immagine 3 - Hallwyl House vista dal cortile interno


- immagine 4 - Hallwyll House: dettagli dall'esterno



dietro la facciata di palese influenza veneziana, le camere furono decorate in vari stili storici e sia i dipinti che gli arazzi furono inizialmente appesi alle pareti degli appartamenti, ma alla fine fu l'attico ad accoglierli quando venne convertito in una galleria d'arte dedicata alla crescente collezione di quadri. 




- immagine 5 - Il sottotetto divenuto galleria d'arte




L'intera dimora e gli oggetti d'arte che conteneva furono infine donati allo stato svedese: la donazione era stata annunciata nel 1920, ma entrò in vigore solo con la morte della contessa, occorsa nel 1930, e Hallwyl House venne aperta al pubblico quale museo solamente nel 1938, quando fu concluso il catalogo di tutti i preziosi esposti, ma non solo, l'intenzione era quella di documentare e conservare l'intera casa esattamente come era stata lasciata, sia le collezioni di arte ed antiquariato, sia i mobili contemporanei, sia i gioielli che le sono appartenuti, sia i tessuti e gli oggetti di uso quotidiano della famiglia e dei suoi servitori, quali abiti, utensili da cucina e apparecchiature per ufficio




- immagine 6 - utensili da cucina del XIX° secolo


- immagine 7 - macchina da scrivere Trusty Remington


- immagine 8 - completo da toilette e da barba


- immagine 9 - Il portavivande a sali-scendi




(pensate che accanto ad oggetti d'arte trovano posto peculiarità personali quali un pezzo della barba del conte ed una fetta della loro torta nuziale.)

Mi preme infine farvi notare che il catalogo era già stato avviato dalla contessa mentre la collezione era ancora in crescita: dal 1909 ella assunse infatti un certo numero di rinomati esperti in materie quali i bronzi cinesi, la pittura europea, le porcellane europee e asiatiche per assisterla nel lavoro; pensate che nella sua versione finale, il catalogo dettagliato contiene circa 50.000 voci e alla fine fu stampato in 79 volumi tra il 1926 ed il 1957.


Ma entriamo ora nel mondo di Wilhelmina ... così com'era nel 1865 ...

La Contessa ci sta attendendo!



- immagine 10



- immagine 11 - Una fotgrafia di Wilhelmina che risale proprio alla metà degli anni'60 dell'ottocento



Ci mostra il suo più famoso dipinto che la ritrae quando era un po' più giovane ...




- immagine 12 - Un ritratto ovale che ci mostra Wilhelmina all'età di 21 anni




e lo splendido abito che indossava in quell'occasione;




- immagine 13 e 14 - Questo è l'abito che ella indossava in occasione del ritratto, oggi in mostra insieme a molti altri che le sono appartenuti




quindi ci mostra alcune delle stanze della sua sontuosa magione:



- immagine 15


- immagine 16


- immagine 17


- immagine 18


- immagine 19


- immagine 20


- immagine 21


- immagine  22


- immagine 23


- immagine 24


- immagine 25


- immagine 26


- immagine 27




Ringraziamo infine la nostra deliziosa ospite ed io ringrazio tutti voi
per avermi accompagnato in questo altro viaggio indietro nel tempo 
all'interno di quello che oggi è uno dei pochi musei che conservano intatti 
gli aspetti della vita di un tempo e che ci permettono di immedesimarci in ciò che vediamo.



- immagine 28





A presto carissimi amici, e lettori ... fedeli ed occasionali!









SOURCES:

Eva Bergman, "von Hallwyl, Wilhelmina"

Hallwylska museet


Wikipedia




LINKING WITH:



domenica 11 febbraio 2018

Napoleon's obsession for coffee.




“As soon as coffee is in your stomach, there is a general 
commotion. 
Ideas begin to move… smiles arise, the paper is 
covered. 
Coffee is your ally and writing ceases to be a 
struggle.”

Honoré de Balzac (1799 - 1850)




Napoleon's Coffee Set from St.Helena




And they were precisely the French and the Americans, even before than the English, who could taste the precious drink obtained from the 'beans' grown in the tropical colonies - and fall in love with it - perhaps as a result due to where their respective nations had placed their colonial possessions; we know, in fact, that the Georgian period saw the opening of the first coffee-houses in London, following the example of the much older Viennese ones, which were locals reserved for men only, in which the wealthy gentlemen gathered to spend time in company, exchanging their ideas while sipping a cup of the precious brew, we know that in the Regency era were really numerous the coffee-houses that had been opened in the meantime when tea was still a novelty, and much more expensive than coffee, but we also know that in France and in America coffee was known and appreciated by famous people since the early XVIIIth century: from the Parisian philosopher Voltaire, who claimed to owe his own intuitions to the benefits of coffee, of which he drank from 40 to 50 cups a day, mixed with chocolate, to King Louis XV, who had managed to grow coffee plants directly in the greenhouses of Versailles and loved to offer it to his guests, but didn't abuse it; to Benjamin Franklin, who claimed that "Among the many luxuries of the table ... coffee can be considered one of the most precious, it exalts the happiness without poisoning and the pleasant flow of spirits it causes ... it is never followed by sadness, languor or weakness ", to the third president of the United States, as well as author of the Declaration of Independence, Thomas Jefferson, lover of wine, but not only, connoisseur and passionate coffee drinker.

We know today that coffee allows us vivacity, both intellectual and physical, and promptness of reflexes, which is a precious source of antioxidants and therefore has the power to reduce the risk of contracting some serious diseases, including those due to brain deterioration, things that at the time were ignored, but of coffee was appreciated the immediate induction of the increase in blood pressure and therefore the tone and the sensation of well-being that it immediately derives from it.

The Emperor of the French, Napoleon Bonaparte, knew it well, and it is just of him that I want to tell you today.


Napoleon in his dining room at Longwood House, St.Helena



History teaches us that He did not become passionate about coffee as soon as he knew it, indeed, as soon as He tasted it he found it not at all captivating, but with the passing of the time He became an authentic lover, or, perhaps, it would be more appropriate to say, a real coffee - dependent.

At first He began drinking two cups of bitter and pure coffee a day, one for breakfast and one after dinner, in the evening, but, with the flowing of years, aware of the beneficial aspects of this drink that had the ability to invigorate His spirits, keep Him in good mood and always active, He began to not to able to live without it - and there are those who still today claims that His heroic undertakings could not have been achieved without the support of caffeine!

Coffee became one of the many things He could not do without ... He refrained from drinking wine and any other alcoholic beverage, but He had a genuine passion for politics, for war, for beautiful women and for coffee - and he arrived to drink up to 50 cups at any time of day.

One of the most famous stories related to Napoleon's weakness for coffee is linked to his last days. According to the St.Helena Coffee website:

''A few days before the end, Marechal Bertrand recorded that Napoleon kept begging for coffee and that his new 'doctor', Antonmarchi (he was, in fact, a dissecting room assistant), allowed him a few spoonful’s. Then, as the Emperor declined further, Bertrand writes:

That morning, he had asked twenty times if he could be allowed some coffee. 'No, Sire', 'Might the doctors allow me just a spoonful?' 'No, Sire, not at the moment, your stomach is too irritated, you would vomit a little earlier, perhaps.' He had already vomited perhaps nine times during the day. What a great change had overtaken him! Tears came to my eyes, seeing this formidable man, who had commanded with such authority, in a manner so absolute, beg for a spoonful of coffee, seek permission, obedient as a child, asking again and again for permission and not obtaining it, without ever losing his temper. At other times during his illness, he would have thrown his doctors out, flouted their advice and done as he wanted. Now he was as docile as a child. So, here is the great Napoleon: pitiful, humble.''


Death of Napoleon on St Helena, May 5, 1821, by Carl von Steuben (1788-1856), ca 1828



We still do ignore what the real causes that induced His stomach disease were, if His death was due to arsenic poisoning or cancer, the fact is that during the autopsy that was done after His death Dr. Antonmarchi found traces of coffee in his stomach ... because you have to know that once exiled to St.Helena, Napoleon found an excellent coffee, which induced him to aggravate his dependence ... the state of constant depression in which He spent the days of His last exile, the boredom that often caught Him, the bitterness for the fate that had been touched Him, sanctioned by the Congress of Vienna that had eventually deposed him to put on the French throne King Louis XV, without any doubt induced Him to exaggerate with the coffee more than how much He was used to do.

Although Napoleon preferred the coffee of St. Helena to all the others, as it was the only thing good, he claimed, that the island offered Him (an excellent quality of Arabica coffee had in fact been cultivated in plantations by the East India Company that of the island held possession since 1733), He was willing to drink whatever coffee was available. For example, just when he was spending His days at Longwood House,


Nhà Longwood (Unknown author)



Sir Hudson Lowe, governor of the island and jailer of Napoleon, gave Him as a gift a wooden case filled with coffee that the Emperor ordered had to be placed in the pantry. Charles Tristan, better known as the Marquis Montholon, thought that Napoleon wouldn't have accepted it and was amazed when the Emperor began by saying "A good coffee is a precious thing in this horrible place" and decided to drink it without fear that it might have been poisoned.

Finally I will mention a sentence that Napoleon once said: " The strong and abundant coffee wakes me in.It gives me a warmth, an unusual strength, a pain that is not without pleasure. I would suffer rather than be senseless."
And I wonder if what was the reason for His glory was also the cause of His suffering and eventually His death ...


INTERIOR [A VIEW OF THE ROOM AT LONGWOOD WHERE NAPOLEON DIED ON ST. HELENA] - 
Attributed to Jean-François Villain after a drawing by Louis-Joseph-Narcisse Marchand




I'll never be grateful enough for the interest and affection which you follow me with, 
dear friends and readers, 
I have no words to thank you as you deserve ...



See you soon 💕












BIBLIOGRAPHIC SOURCES:


Barden, Thomas M., Humanizing the Corsican Ogre, at State University of New York at Geneseo; 

Forsyth, William, and Hudson Lowe, History of the Captivity of Napoleon at St. Helena, Volume 2,  1853; 

Saint-Arroman, Auguste, Coffee, Tea and Chocolate, 1852;

Smallman, David L., Quincentenary: A Story of St Helena, 1502-2002, 2003;

Ukers, William Harrison, All About Coffee, 1922.

Website St.Helena Coffee











“Non appena il caffè è nel vostro stomaco, vi è una generale 

commozione. 
Le idee cominciano a muoversi… spuntano i sorrisi e la carta 

 si copre. 
Il caffè è il vostro unico alleato e scrivere cessa di essere uno 

sforzo.


Honoré de Balzac (1799 - 1850)




- immagine 1 - Servizio da caffè appartenuto a Napoleone conservato a St.Helena





E furono proprio i Francesi e gli Americani, prima ancora degli Inglesi, a poter gustare la preziosa bevanda ottenuta dai 'chicchi' coltivati nelle colonie tropicali - e ad innamorarsene - forse di conseguenza a dove le rispettive nazioni avevano collocati i loro possedimenti coloniali; sappiamo infatti che il periodo Georgiano vide aprire le prime coffee-houses a Londra, sull'esempio di quelle viennesi, ben più antiche, che erano locali riservati a soli uomini, in cui i gentlemen più facoltosi si riunivano per trascorrere il tempo in compagnia, scambiando le proprie idee mentre sorseggiavano una tazzina del preziosissimo infuso, che in epoca Regency erano realmente numerose le coffee-houses che nel frattempo erano state aperte quando il tè era ancora una novità, e del caffè ben più costoso, ma sappiamo anche che in Francia ed in America il caffè era conosciuto ed apprezzato da personaggi famosi già dagli inizi del XVIII°secolo: dal filosofo parigino Voltaire, il quale sosteneva di dovere le proprie intuizioni proprio ai benefici del caffè, del quale ne beveva da 40 a 50 tazzine il giorno, mischiato con il cioccolato, a Re Luigi XV, il quale era riuscito a coltivare piante di caffè direttamente nelle serre di Versailles ed amava offrirlo ai propri ospiti, senza però abusarne; da Benjamin Franklin, il quale sosteneva che "Tra i numerosi lussi della tavola ... il caffè può essere considerato uno dei più preziosi. Esalta l'allegria senza intossicare ed il piacevole flusso di spiriti che provoca ... non è mai seguito da tristezza, languore o debolezza", al terzo presidente degli Stati Uniti, nonché autore della Dichiarazione d'Indipendenza, Thomas Jefferson, amante del vino, ma non solo, conoscitore ed appassionato bevitore di caffè.

Sappiamo oggi che il caffè ci consente vivacità, sia intellettuale che fisica e prontezza di riflessi, che è una preziosa fonte di antiossidanti e che perciò ha il potere di ridurre il rischio di contrarre alcune malattie anche gravi, incluse quelle dovute al deterioramento cerebrale, cose che al tempo si ignoravano, ma del caffè si apprezzava l'immediata induzione dell'aumento della pressione sanguigna e perciò il tono e la sensazione immediata di benessere che da esso subito deriva.

Lo sapeva bene anche l'Imperatore dei Francesi, Napoleone Buonaparte, ed è proprio di lui che oggi voglio raccontarvi.




- immagine 2 - Napoleone nella sua sala da pranzo a Longwood House - St.Helena




La Storia ci insegna che Egli non si appassionò nell'immediato del caffè, anzi, non appena lo assaggiò non lo trovò per nulla accattivante, ma con il tempo ne divenne un autentico amatore, o, forse, sarebbe più appropriato dire, un vero e proprio caffè - dipendente.
Dapprincipio cominciò con il bere due tazzine di caffè amaro e puro il giorno, una a colazione ed una dopo cena, la sera, ma con il tempo, accortosi degli aspetti benefici di questa bevanda che aveva la capacità di rinvigorire il suo spirito, mantenerlo di buonumore e sempre attivo, cominciò con il non poterne più fare a meno - e vi è chi ancora oggi sostiene che le sue grandi imprese non avrebbero potuto essere realizzate senza il sostegno della caffeina!

Il caffè divenne così una delle tante cose di cui non poteva fare a meno ... si asteneva dal bere vino e qualsiasi altra bevanda alcolica, ma aveva un'autentica passione per la politica, per il fare la guerra, per le belle donne e per il caffè, del quale giunse a bere fino a 50 tazzine ad ogni ora del giorno.


Una delle storie più famose legate alla debolezza di Napoleone per il caffè è legata ai suoi ultimi giorni. Secondo il sito St.Helena Coffee:

'' Pochi giorni prima della fine, il maresciallo Bertrand registrò che Napoleone cominciò ad elemosinare del caffè al suo nuovo 'dottore', Antonmarchi (in realtà François Carlo Antonmarchi era quello che oggi potremmo definire un anatomo-patologo e seguì Napoleone dal 1818 fino al giorno del suo decesso, il 5 maggio del 1821), il quale gliene concesse qualche cucchiaiata. Poi, mentre l'imperatore si placò, Bertrand scrisse:

Quella mattina, aveva chiesto venti volte se poteva permettersi un caffè. "No, Sire", "Potrebbero i medici permettermi solo un cucchiaio?" "No, Sire, non al momento, il Vostro stomaco è troppo irritato, probabilmente vi farebbe vomitare." Aveva già vomitato forse nove volte durante il giorno. Che grande cambiamento aveva subito! Mi vennero le lacrime agli occhi vedendo questo uomo formidabile, che aveva comandato con una tale autorità, in modo così assoluto, mendicare un cucchiaio di caffè, chiederne l'autorizzazione, obbediente come un bambino, chiede ancora ed ancora il permesso per averlo e non ottenerlo, senza mai perdere la calma. In altri momenti della sua malattia avrebbe buttato fuori dalla stanza i suoi dottori, infastidito dai loro consigli e avrebbe fatto come voleva. Ora era docile come un bambino. Quindi, ecco il grande Napoleone: pietoso, umile."





- immagine 3 - Death of Napoleon on St Helena, May 5, 1821, by Carl von Steuben (1788-1856), ca 1828





Non sappiamo ancora con esattezza quali furono le reali cause che indussero questa sua malattia allo stomaco, se si trattò di avvelenamento da arsenico o di tumore, sta di fatto che eseguita l'autopsia dopo la sua morte il dottor Antonmarchi trovò nel suo stomaco tracce di caffè, ... perché dovete sapere che una volta esiliato a S.Elena, Napoleone vi trovò un ottimo caffè, il che lo indusse ad aggravare la sua dipendenza ... lo stato di costante depressione in cui trascorse i giorni del suo ultimo esilio, la noia che spesso lo coglieva, l'amarezza per il destino che gli era toccato, sancito dal Congresso di Vienna che lo aveva definitivamente deposto per mettere sul trono francese Re Luigi XV, lo indussero senza alcun dubbio ad esagerare con il caffè più di quanto già non fosse uso fare. 

Sebbene Napoleone preferisse il caffè di Sant'Elena a tutti gli altri, in quanto era l'unica cosa, sosteneva, che l'isola di buono gli offriva (un'ottima qualità di caffè arabico era stato infatti coltivato in piantagioni dalla Compagnia delle Indie Orientali che dell'isola deteneva il possesso già con il 1733), era comunque disposto a bere qualunque caffè fosse disponibile. Ad esempio, proprio mentre trascorreva i suoi giorni a Longwood House,




- immagine 4 - Nhà Longwood (Autore sconosciuto)





Sir Hudson Lowe, governatore dell'isola e carceriere di Napoleone, gli elargì come dono una cassa di caffè che l'imperatore fece riporre nella dispensa. Charles Tristan, meglio conosciuto come il Marchese Montholon, pensò che Napoleone non l'avrebbe accettato e si stupì quando l'Imperatore esordì dicendo "Un buon caffè è una cosa preziosa in questo posto orribile". e decise di berlo senza timore che potesse essere stato avvelenato.

Concludo infine citando una frase che Napoleone una volta ebbe a pronunciare: "Il caffè forte e abbondante mi sveglia. Mi dà un calore, una forza insolita, un dolore che non è privo di piacere. Preferirei soffrire piuttosto che essere insensato."


E chissà se ciò che fu motivo della sua gloria non sia anche stato motivo della sua sofferenza ed infine del suo decesso ...




- immagine 5 - INTERIOR [A VIEW OF THE ROOM AT LONGWOOD WHERE NAPOLEON DIED ON ST. HELENA] - Attribuito a Jean-François Villain, su un disegno di Louis-Joseph-Narcisse Marchand




Non vi sarò mai abbastanza grata per l'interesse e l'affetto con cui mi seguite, 
carissimi amici e lettori, 
non ho parole per ringraziarvi come meritate ...


A presto 💕









FONTI BIBLIOGRAFICHE:


Barden, Thomas M., Humanizing the Corsican Ogre, at State University of New York at Geneseo; 

Forsyth, William, and Hudson Lowe, History of the Captivity of Napoleon at St. Helena, Volume 2,  1853; 

Saint-Arroman, Auguste, Coffee, Tea and Chocolate, 1852;

Smallman, David L., Quincentenary: A Story of St Helena, 1502-2002, 2003;