lunedì 29 agosto 2016

PORTRAIT OF A LADY: Laura Ingalls Gunn, the privilege of being a descendant of Laura Ingalls Wilder.


I knew her for chance ...



Shot originally taken by Tom Tingle/The Arizona Republic ©




The Ingalls Family



thanks to Stacey, blogger at POOFING THE PILLOWS, who, as soon as read my post about Laura Ingalls Wilder's biography, put me in contact with her: Laura Ingalls Gunn is a descendant of the all over the world known and loved little Laura, protagonist of the series "The Little House on the Prairie" and writer, as an adult, of so many books for children telling her adventures, dating back to when she was a child and pertinent her life as a woman, mother and wife.



Laura Ingalls Gunn is a blogger herself at DECORE TO ADORE, a so beautiful blog about home decoration, she's a lady fond of romantic details and settings, of such a good nature, a tender hearted 'gal' as few we may know.
Here today I want to introduce her to you, I want to let you know not only the blogger, who's so very talented, but firstly the fourth cousin of Laura Ingalls Wilder ( Charles Ingalls was her great-great granduncle ) and I love to do it through her words, for I'm sure that, after having read them, she'll win your heart and you'll be eventually fond of her !


Laura Ingalls Wilder, 1918



- What kind of relationship is linking you with Laura and when you came to know it

My great-great grandfather, Lansford “James” Ingalls and Charles (Laura’s father) were brothers.*
My great aunt, Mildred Ingalls Kenner, sister of my grandfather, Roy Andrew Ingalls, was a librarian and also our family historian. Each birthday and Christmas for several years, when I was a small child, she gifted me one of the “Little House” books until I had the complete collection.
My maternal grandmother, Mary Bradley Varner, loved to study genealogy and mapped out my complete family history. I can’t remember a time when I didn’t know about my relationship to Laura. She has always been a part of my family.  


- When did you visit her homes and who accompanied you ( did you visit them all, what did you felt finding yourself exactly where she lived her ordinary days, and so on ... )

I visited her first home, Little House in the Big Woods, in Pepin, Wisconsin when I was 12 years old. I was taken there by my grandfather, Roy, and his sister, my great aunt, Dorothy Ingalls Farrell. I remember being very upset because there was no longer a forest (big woods) surrounding the cabin.

My daughter and I moved from California to New York, (I was 25 and she was 5 years old) and we drove the entire way. We stopped in De Smet, South Dakota. There are several sites in this small town which Laura wrote about in the books “By the Shores of Silver Lake”, “The Long Winter”, “Little Town on the Prairie”, “These Happy Golden Years” and “The First Four Years”. The town and home site truly is a “must see” for any Laura fan.

While living in upstate New York my daughter and I drove to Malone, New York to visit the childhood homestead of Laura’s husband, Almanzo, which was documented in “Farmer Boy”. It was a lovely home, fully restored to its original state.

A year later we moved to Texas. While living there my daughter, now age 6, and I drove to Independence, Kansas which has a replica of the log cabin Laura lived in and wrote about in “Little House in the Prairie”.
On that same trip we also went to Mansfield, Missouri. This has a few sites to visit including the Rock House which was a gift from Rose and where Laura wrote many of the Little House books. There is also the House at Rocky Ridge that Almanzo built for Laura. As she was only 4’11” tall (2.54 cm) her kitchen almost felt like a dollhouse kitchen as it was customized for her height.

A few years later, on a visit to Minnesota to see my paternal grandmother, Eleanor Becker Ingalls, (Grandma Jingles) my husband, two children and I drove down to Walnut Grove, Minnesota. It too has several wonderful sites to see and it was lovely to enjoy a picnic “On the Banks of Plum Creek”.

There is just one site that I have not been to which is the hotel in Burr Oak, Iowa. The Ingalls family lived here for one year when Laura was about 9 or 10 years of age. She never wrote about it because it was a very dark period for the family. 


- What does it mean to you to have such inheritance in values

It is so nice to have such a detailed family history. Laura is a wonderful role model on how to persevere and keep a cheerful outlook even during difficult times. Her faith in God has also been a wonderful inspiration to me.


- How do you feel when you hear people talking of her or read something about her

Having the same name I often will be shopping and someone will need to see my identification card or ask my name when I am purchasing something. People often get very excited when they see/hear it. I have never once encountered anyone who didn’t have the warmest or loveliest reaction regarding their thoughts about Laura. So many people love her books as well as the television show. It is always a nice thing to hear.


- Have you read all the biographies about her … and her books

There are so many books now that have been written about Laura/the Ingalls family that I imagine I have not read all of them, but I have read a good many. Whenever I visit a foreign country I try to visit a bookstore and purchase one of her books. So far I have copies of “Little House on the Prairie” written in Spanish, French, German and Greek.


- Would you have liked to know her and to live at her age

It would be very nice to have a time machine and be able to travel back in time and visit with Laura and learn first-hand about my family. I imagine that she was a very nice person, full of intelligence and wit. One must remember though that Laura chose not to write about some of the very difficult and dark times of her life. Like everyone else the family had their share of heartache. The death of her baby brother, Mary’s blindness and other events could have been prevented in the age of modern medicine and antibiotics. For this reason I don’t know if I would want to live during that time. But I truly appreciate the pioneering spirit of my family. Still, I think many romantics at heart, myself included, perhaps long for a simpler, sweeter time.


For sure I'm one of them, darling friend of mine, and how excited I am to discover that History and people who has marked it are still living today in such wonderful persons like You !

In the hope to have caught your interest and enthralled you with such a loving Lady and her interesting inheritance, I'm sending my warmest hug to you all, dearest readers and friends, may love always have a place in your days, that's my very wish for you

see you soon ðŸ’•









NOTES:
* -  Lansford Whiting Ingalls - Grandpa - and Laura Louise Colby Ingalls - Grandma - had several children, to be more precise eleven, one of which, Son Baby Ingalls, survived just a little after his birth; thus, if ten were their surviving children, Charles ( Laura's father - Pa ) was the third born whereas Lansford James was the sixth.
Here are them all: 

Peter Riley Ingalls (1833 - 1900)

Son Baby Ingalls (1835 - 1835)

Charles Phillip Ingalls (1836 - 1902)

Lydia Louisa Ingalls Stouff (1838 - 1913)

Polly Melona Ingalls Quiner (1841 - 1886)




James Lansford Ingalls 
Born: Mar. 14, 1842 at Cuba, Allegany County, New York - Death: Jul. 8, 1928, Rock Elm, Pierce County, Wisconsin.


Polly Melona Ingalls Quiner (1841 - 1886)

Laura Ladocia Ingalls Forbes - Aunt Docia (1846 - 1918)

Hiram Lemuel Ingalls (1848 - 1923)

George Whiting Ingalls (1851 - 1901)

Ruby Celestia Ingalls Card (1855 - 1881)

Lafayette Ingalls (?)








La conobbi per caso ...



- picture 1 - Fotografia originale di Tom Tingle/The Arizona Republic ©

- picture 2 -  La Famiglia Ingalls



grazie a Stacey, del blog POOFING THE PILLOWS, la quale, non appena lesse il mio post sulla biografia di Laura Ingalls Wilder, mi mise in contatto con lei: Laura Ingalls Gunn è una discendente della piccola Laura Ingalls, conosciuta ed amata in tutto il mondo quale protagonista della serie "La casa nella prateria" ed apprezzata da adulta come scrittrice di numerosi libri per fanciulli che raccontano le sue avventure risalenti a quando era bambina e pertinenti la sua vita di donna, madre e moglie.



- picture 3



Anche Laura Ingalls Gunn è una blogger, DECORE TO ADORE è l'incantevole blog sull'home decor che cura con devozione quale amante di dettagli romantici ed atmosfere suggestive, una donna dall'animo così gentile, così di buon cuore come poche ci è dato l'opportunità di conoscere ai nostri giorni.
Qui oggi voglio presentarla a voi, voglio farvi conoscere non solo la blogger, che è così tanto talentuosa, ma in primo luogo la cugina di quarto grado di Laura Ingalls Wilder (Charles Ingalls era il suo bis-bis prozio) e mi piace farlo attraverso le sue parole, perché sono certa che, dopo averle letto, ella conquisterà il vostro cuore e non potrete fare a meno di apprezzarla !



- picture 4 



- Che tipo di rapporto ti lega a Laura e quando ne sei venuta a conoscenza -
Il mio trisavolo, Lansford "James" Ingalls e Charles (il padre di Laura) erano fratelli. *
La mia prozia, Mildred Ingalls Kenner, sorella di mio nonno, Roy Andrew Ingalls, era una bibliotecaria e anche la storica di famiglia. In occasione di ogni mio compleanno e del Natale per diversi anni, quando ero un bambina piccola, mi regalava uno dei libri della serie “Little House” fino a quando giunsi a possedere la collezione completa.
Mia nonna materna, Mary Bradley Varner, amava studiare genealogia e mappò la mia intera storia familiare. Non riesco a ricordare un momento in cui io non ero a conoscenza del il mio rapporto con Laura. Lei è sempre stata parte della mia famiglia.



- Quando visitasti le sue abitazioni e chi ti accompagnò (le hai visitate tutte, cosa hai provato nel trovarti esattamente dove ella visse la propria vita di tutti i giorni ...) -

Ho visitato la sua prima casa, Little House in the Big Woods, in Pepin, Wisconsin quando avevo 12 anni. Mi ci portò mio nonno, Roy, e sua sorella, la mia prozia, Dorothy Ingalls Farrell. Mi ricordo di essere stata molto turbata perché non c'erano più i grandi boschi (Big Woods) a circondare la capanna.

Mia figlia ed io ci spostammo dalla California a New York, (io avevo 25 anni e lei ne aveva 5) percorrendo tutto il tragitto in auto. Ci siamo fermati a De Smet, Dakota del Sud. Ci sono diversi luoghi in questa piccola città che Laura ha nominato nei libri “By the Shores of Silver Lake”, “The Long Winter”, “Little Town on the Prairie”, “These Happy Golden Years” e “The First Four Years”. Per ogni fan di Laura è d'obbligo visitare questa città ed il luogo dove è collocata la casa.

Mentre vivevo nello stato di New York, mia figlia ed io raggiungemmo in automobile Malone, New York per visitare la fattoria dove trascorse la sua infanzia il marito di Laura, Almanzo, documentata in "Farmer Boy". Era una bella casa, ristrutturata completamente per ricondurla al suo stato originale.

Un anno dopo ci siamo trasferite in Texas. Mentre vivevamo lì, mia figlia, ormai di 6 anni, ed io, raggiungemmo Independence, Kansas, che ha una replica della capanna costruita con tronchi d'albero in cui Laura visse e di cui scrisse in  “Little House in the Prairie”.

Durante quello stesso viaggio siamo andate anche a Mansfield, Missouri. Mansfield ha un paio di siti da visitare tra cui il Rock House che fu un regalo da Rose e dove Laura ha scritto molti dei libri della serie ”Little House”. C'è anche la casa a Rocky Ridge che Almanzo edificò per Laura.Siccome ella era alta solamente  4'11 " (1,50 cm) la sua cucina sembrava quasi una cucina di una casa di bambola tanto era stata personalizzata in funzione della sua statura.

Pochi anni dopo, durante una visita in Minnesota per vedere la mia nonna paterna, Eleanor Becker Ingalls, (Grandma Jingles) mio marito, i nostri due bambini ed io raggiungemmo in automobile Walnut Grove, Minnesota. Anche qui vi sono parecchi luoghi meravigliosi da vedere ed è stato bello poter godere di un pic-nic “On the Banks of Plum Creek”-"Sulle rive del Plum Creek".

C'è solo un luogo in cui non sono stata, ed è quello in cui si trova l'hotel a Burr Oak, Iowa. La famiglia Ingalls visse lì per un anno quando Laura aveva circa 9 o 10 anni di età. Ella non ne ha mai fatto menzione perché fu un periodo molto buio per tutta la famiglia.



- Che cosa significa per te avere una tale eredità in quanto a valori -

E' talmente  bello avere una così una dettagliata storia di famiglia. Laura è un modello meraviglioso su come perseverare e mantenere una prospettiva allegra anche nei momenti difficili, e la sua fede in Dio è stata inoltre una meravigliosa fonte di ispirazione per me.



- Cosa provi quando senti  la gente parlare di lei o quando leggi qualcosa su di lei -

Spesso quando mi reco a fare shopping qualcuno mi chiede un documento o il mio nome se sto per fare qualche acquisto. Avendo lo stesso nome, le persone spesso si entusiasmano molto quando lo vedono o lo sentono. Non ho mai incontrato nessuno che non avesse una reazione calorosa o adorabile circa i pensieri che nutrono per Laura. Così tante persone amano i suoi libri, nonché il programma televisivo. E 'sempre una bella cosa da sentire.



- Hai letto tutte le biografie su di lei ... e quelli da lei scritti -

Ci sono tanti libri, ormai, che sono stati scritti su Laura e sulla famiglia Ingalls che immagino non li ho letto tutti, ma ne ho letto un buon numero. Ogni volta che visito un paese straniero provo ad entrare in una libreria ed acquisto uno dei suoi libri. Finora ho copie di “Little House on the Prairie” -"La casa nella prateria" scritte in spagnolo, francese, tedesco e greco.



- Ti sarebbe piaciuto conoscerla e vivere alla sua epoca -

Sarebbe molto bello avere una macchina del tempo ed essere in grado di viaggiare indietro nel tempo e visitare con Laura e conoscere di persona la mia famiglia. Immagino che lei fosse una persona molto bella, piena di intelligenza e arguzia. Bisogna ricordare però che Laura ha scelto di non scrivere circa alcuni dei momenti molto difficili e bui della sua vita. Come tutti gli altri membri della famiglia anche lei aveva la dose di crepacuore. La morte del suo fratellino, la cecità di Mary ed altri eventi avrebbero potuto essere evitati nell'era della medicina moderna grazie agli antibiotici. Per questo motivo non so se vorrei vivere in quel periodo. Ma apprezzo sinceramente lo spirito pionieristico che ha guidato la mia famiglia. Eppure, penso che molte persone dal cuore romantico, me compresa, forse bramano un tempo più semplice, un tempo più dolce.


Di sicuro io sono una di loro, mia cara amica, e come sono entusiasta quando scopro che la storia e la gente che in qualche modo la ha segnata continuano a vivere oggi in persone meravigliose come Te !


Grazie infinite per il tempo che mi hai dedicato così amorevolmente, carissima Laura, e a voi tutti, cari lettori ed amici che sempre mi seguite, invio il mio più caloroso abbraccio nella speranza di aver catturato il vostro interesse e di avervi affascinati con una Lady così amorevole e con la sua avvincente eredità, possa l'amore trovare sempre un posto nei vostri giorni, questo è il mio augurio per voi !


A presto ðŸ’•








NOTA:
* -  Lansford Whiting Ingalls - Grandpa - e Laura Louise Colby Ingalls - Grandma - ebbero numerosi figli, per la precisione undici, uno dei quali, Son Baby Ingalls, sopravvisse solo alcuni giorni alla sua nascita; perciò, anche se dieci furono i loro figli sopravvissuti, Charles ( il padre di Laura - Pa ) fu il terzogenito mentre Lansford James fu il sesto a nascere.
Eccoveli tutti qui di seguito:

Peter Riley Ingalls (1833 - 1900)

Son Baby Ingalls (1835 - 1835)

Charles Phillip Ingalls (1836 - 1902)

Lydia Louisa Ingalls Stouff (1838 - 1913)

Polly Melona Ingalls Quiner (1841 - 1886)



James Lansford Ingalls 
Born: Mar. 14, 1842 at Cuba, Allegany County, New York - Death: Jul. 8, 1928, Rock Elm, Pierce County, Wisconsin.


Polly Melona Ingalls Quiner (1841 - 1886)

Laura Ladocia Ingalls Forbes - Aunt Docia (1846 - 1918)

Hiram Lemuel Ingalls (1848 - 1923)

George Whiting Ingalls (1851 - 1901)

Ruby Celestia Ingalls Card (1855 - 1881)

Lafayette Ingalls (?)



sabato 20 agosto 2016

Let's take the time to smell the roses ...


When Roses cease to bloom, Sir,
And Violets are done—
When Bumblebees in solemn flight
Have passed beyond the Sun—
The hand that paused to gather
Upon this Summer's day
Will idle lie—in Auburn—
Then take my flowers—pray ! 




Quando le rose smettono di fiorire, Signore,
e le violette sono passate- 
quando i calabroni in volo solenne
sono transitati al di là del sole-
la mano che indugiò per cogliere
in questo giorno estivo
giacerà oziosa-nell'ombra dorata- 
Accetta dunque questi miei fiori, ti prego !

Emily Dickinson, J32, c.1858








The Bee is not afraid of me.
I know the Butterfly.
The pretty people in the Woods
Receive me cordially—

The Brooks laugh louder when I come—
The Breezes madder play;
Wherefore mine eye thy silver mists,
Wherefore, Oh Summer's Day? 





Non mi teme l'Ape.
Conosco la farfalla.
I graziosi abitanti del Bosco
Mi ricevono amichevolmente-

Più forte ridono i ruscelli quando arrivo-
Più sbarazzine giocano le Brezze;
Perché il tuo argento annebbia il mio sguardo,
Perché, Oh Giorno d'Estate?

Emily Dickinson, J111, c.1859











A sepal, petal, and a thorn 
Upon a common summer's morn - 
A flask of Dew - A Bee or two - 
A Breeze - a caper in the trees - 
And I'm a Rose !




Un sepalo, un petalo, ed una spina
In un comune mattino d'estate-
Un fiasco di Rugiada-Un'Ape o due-
Una Brezza-un frullo tra gli alberi-
Ed io sono una Rosa !

Emily Dickinson, J19, c.1858












This Bauble was preferred of Bees-
By Butterflies admired
At Heavenly - Hopeless Distances-
Was justified of Bird-

Did Noon - enamel - in Herself
Was Summer to a Score
Who only knew of Universe-
It had created Her. 




Questo nonnulla fu amato dalle Api-
Da farfalle ammirato
Da una Celeste-Disperata Distanza
Ebbe l'approvazione degli Uccelli-

Ed abbellì-di Sè Stesso-il Meriggio
E fu l'Estate per una Ventina di Esseri
per i quali la sua esistenza 
era la sola prova che avessero di un Universo.

Emily Dickinson, J805, c.1863










Carissimi amici e lettori, spero che vi sia stata gradita questa passeggiata tra le alcune delle rose che l'estate ci ha donato, accompagnata dalla musicalità e dalla liricità dei versi dell'amata ed ammirata poetessa americana Emily Dickinson ... e che altrettanto gradito vi giunga questo mio abbraccio colmo di gratitudine !

A presto ðŸ’•




Dearest friends and readers of mine, I hope to have pleased you with this walk among some of the roses that this Summer has given us, accompanied by the musicality and lyricism of the verses of the beloved and admired American poet Emily Dickinson ... and that, as welcome as this, may reach you my warmest hug filled with gratitude !

See you soon ðŸ’•